Romito 3stelle 2013Noi italiani, invece di brontolare e basta, dovremmo essere grati alla Michelin perché, se non fosse per le sue stelle, i nostri chef (nella foto Niko Romito, abruzzese, fresco di terza stella a Castel di Sangro) sarebbero ancora meno conosciuti all’estero. E con la rossa non si scherza nemmeno a livello di donne chef premiate con una o più stelle, 51 su 329. Certo, una minoranza ma che diventa maggioranza assoluta a livello mondiale. Tutto scritto qui.